Nazaj

Tutto quello che dovete sapere sulla presbiopia

mag. Kristina Mikek, dr. med.

mag. Kristina Mikek, dr. med.
specialista in oftalmologia

16843-4 min16. 02. 2021

presbiopia

Gli anni portano saggezza, ma anche disturbi come la presbiopia, che deriva dal termine greco di invecchiamento degli occhi. Se avete superato i 40 anni, probabilmente conoscete i primi sintomi della presbiopia. Improvvisamente diventa difficile leggere il menù in condizioni di scarsa illuminazione e per leggere caratteri piccoli li si allontana tendendo le braccia. Alcuni provano addirittura mal di testa e la sensazione di occhi stanchi.

Gli occhiali da lettura sono una soluzione semplice ai problemi di presbiopia, ma molti hanno difficoltà ad accettarli. Ciò non sorprende, perché nel caso di miopia, ipermetropia o astigmatismo già presenti, sono improvvisamente necessari occhiali aggiuntivi. Cambiare continuamente e cercare gli occhiali giusti diventa da subito fastidioso. Una soluzione migliore sono gli occhiali con lenti progressive. Il problema con questi occhiali è che richiedono del tempo di adattamento, distorcono l'immagine, sono costosi e devono essere sostituiti man mano che aumenta la presbiopia. Ma ci sono soluzioni migliori degli occhiali per migliorare la vista di chi soffre di presbiopia. Per comprenderle, scoprite prima tutte le informazioni più importanti sulla presbiopia.

La presbiopia è un fenomeno naturale legato all'invecchiamento degli occhi. Si sviluppa perché il cristallino con gli anni diventa più rigido. La sua capacità di modificare la curvatura e quindi la rifrazione della luce per la visione ravvicinata diminuisce. In giovane età, il cristallino è morbido e flessibile, consentendo rapidi cambiamenti nella lunghezza focale durante la visione da vicino e da lontano. Pertanto, indipendentemente dalla distanza di osservazione, l'acuità visiva è sempre ottimale. Durante questo periodo, le cause principali della scarsa acuità visiva sono la miopia, l'ipermetropia e l'astigmatismo. In questi casi, il calo della vista è dovuto ad una lunghezza irregolare del bulbo oculare o ad un'irregolarità nella curvatura della cornea, cioè la parte anteriore trasparente dell'occhio attraverso la quale passa la luce.

Quando nel corso degli anni la flessibilità del cristallino diminuisce, ciò viene notato come una diminuzione dell’acuità visiva da vicino. All'inizio, i problemi si presentano in condizioni di scarsa illuminazione o di lettura di caratteri piccoli. Con l'avanzare dell'età, questo processo progredisce e si rendono necessari gli occhiali da lettura. A causa del progressivo invecchiamento del cristallino, è necessario cambiarli, poiché aumenta la diottria positiva. C'è una regola approssimativa che dai 45 ai 50 anni abbiamo bisogno di occhiali da lettura con una diottria di +1, dai 50 con +2 e dai 60 con +3. La diminuzione della flessibilità del cristallino non è l'unico cambiamento che si verifica nella stesso.  Perde gradualmente la trasparenza e la permeabilità alla luce. Ciò provoca una spiacevole sensazione di abbagliamento in condizioni di luce normale e una diminuzione del contrasto visivo. Quando questi cambiamenti progrediscono abbastanza da ridurre l'acuità visiva, si parla di cataratta che colpisce ben il 60% delle persone di età superiore agli 80 anni.

Proprio come la causa del calo della vista nelle diottrie normali è diversa da quella della presbiopia, lo stesso vale per le possibili soluzioni. La chirurgia diottrica laser convenzionale come LASIK non risolve il problema della presbiopia. Sebbene la soluzione più adatta per migliorare la vista da vicino e da lontano sia la chirurgia con la lente multifocale, alcune persone possono migliorare la vista da vicino anche con la chirurgia laser.

L’intervento laser della presbiopia si differenzia dalla chirurgia laser diottrica standard per il modello di rimodellamento corneale. Con la chirurgia laser Supracor o Presbyond, la cornea viene rimodellata creando nella zona ottica un’area che rifrange la luce per la visione da vicino e un'area che rifrange la luce per la visione da lontano. In un certo senso, realizziamo una lente multifocale sulla cornea. Questo tipo di intervento laser viene sempre eseguito unilateralmente, nell'altro occhio si migliora solo la vista da lontano con il laser.

Una soluzione più conosciuta per migliorare la vista nella presbiopia è l’impianto di lenti intraoculari. In questo caso, il cristallino alterato dall'età viene sostituito con una lente artificiale. L'ottica della lente multifocale che utilizziamo è progettata per fornire una buona acuità visiva a distanze lontane, medie e ravvicinate.

Gli occhiali da lettura non sono quindi né l'unica né la soluzione più pratica ai problemi di presbiopia. Le lenti moderne e la tecnologia laser offrono le migliori possibilità che anche dopo l’incontro con Abramo non dobbiate affrontare il calo della vista da vicino.