Nazaj

Tre problemi agli occhi che potete curare da soli

Igor Šivec Trampuž, dr. med.

Igor Šivec Trampuž, dr. med.
specialista in oftalmologia

41543-4 min22. 09. 2020

calazioocchio secco

Siete fra quelli che non hanno il tempo di consultare immediatamente il medico per qualsiasi problema agli occhi? A volte questo non è nemmeno necessario. Per alcuni problemi frequenti potete aiutarvi anche la soli. Scoprite come risolvere tre frequenti problemi agli occhi!

Orzaiolo sulla palpebra 

L’orzaiolo si mostra come una piccola protuberanza dolente e arrossata sul bordo della palpebra. È causato dall'infiammazione della ghiandola sebacea posta nella palpebra. L'occhio può lacrimare eccessivamente e può formarsi una crosta sulla palpebra. Il primo rimedio sono gli impacchi caldi. Potete usare un asciugamano imbevuto di acqua calda o una bustina di tè calda. Lavate gli occhi più volte al giorno con sapone neutro. Massaggiate delicatamente la pelle della palpebra con le mani lavate. Questo favorisce la circolazione sanguigna e la pulizia della ghiandola ostruita. 

In caso di dolore più pronunciato, prendete degli antidolorifici come Lekadol, che potete trovare in farmacia senza ricetta. Non truccatevi nè indossate lenti a contatto. Non cercate di risolvere il problema schiacciando o forando l'orzaiolo. In questo modo, il contenuto purulento potrebbe scaricarsi nell'occhio e causare un'infezione batterica. Nella maggior parte dei casi, l'infiammazione scompare entro 7-10 giorni. Se il problema persiste più a lungo, è necessaria una visita dall’oculista. In questi casi, può essere prescritta una pomata antibiotica o si procede con l’asportazione chirurgica della ghiandola infiammata. 

Occhio secco

I sintomi dell'occhio secco includono una sensazione di graffi o tagli sulla superficie dell'occhio, arrossamento dell'occhio e anche una visione offuscata. Per i fastidi più lievi, spesso può bastare l'uso di lacrime artificiali. Quando il problema si verifica al mattino appena svegli, la soluzione può essere quella di utilizzare una maschera da notte per mantenere gli occhi idratati. È stato anche dimostrato un legame tra i problemi dell'occhio secco e l'uso di ombretti per le palpebre e mascara. Questi prodotti cosmetici provocano un'infiammazione cronica delle cellule ghiandolari delle palpebre, che riduce la capacità di produrre lacrime. Se soffrite di secchezza agli occhi, evitateli.

Se lavorate molto al computer, è importante sbattere le palpebre più spesso. Questo migliora l'idratazione della superficie dell'occhio. Si consiglia inoltre l’uso un umidificatore nel locale in cui trascorrete la maggior parte del vostro tempo. Ridurrete i problemi di secchezza oculare anche usando meno spesso le lenti a contatto.

Non trattenetevi nei locali dove si fuma e non fumate. Il fumo di sigaretta contiene molte sostanze chimiche tossiche che irritano la superficie dell'occhio e le ghiandole palpebrali. Il funzionamento di queste ghiandole è quindi disturbato. D'altro canto, con impacchi caldi agli occhi, stimoliamo il funzionamento delle ghiandole lacrimali e quindi alleviamo i problemi di secchezza oculare. Non dimenticate che potete provocare un effetto positivo sulla produzione delle lacrime anche assumendo una quantità sufficiente di acqua e una dieta ricca di acidi grassi omega 3 e vitamina D.

Corpo estraneo nell’occhio

Ci si accorge subito di questo problema. Qualsiasi corpo estraneo irrita molto l'occhio, si avverte come un dolore acuto, che aumenta muovendo l'occhio. L'occhio inizia subito a lacrimare, è un riflesso naturale con cui proviamo a lavare via il corpo estraneo. Quando la lacrimazione da sola non è sufficiente, spesso il problema può essere risolto con un'irrigazione aggiuntiva. È importante lavarsi le mani con acqua e sapone prima di toccarsi gli occhi. Usate uno specchio e provate a vedere dove si trova il corpo estraneo nell’occhio. A volte si trova sotto la palpebra inferiore o superiore. È importante non cercare di rimuovere il corpo estraneo direttamente con le dita o addirittura con uno strumento come le pinzette. Può essere rimosso in sicurezza immergendo l'occhio in una ciotola poco profonda riempita con soluzione fisiologica sterile o acqua naturale. Con l'occhio sommerso, sbattete le palpebre più volte per far uscire il corpo estraneo. Se lo sentite ancora nell'occhio, provate a tirare delicatamente il bordo della palpebra e poi rilasciatelo. In questo modo anche lo spazio tra la palpebra e l'occhio verrà irrigato e lavato con l’acqua. Un'altra opzione è semplicemente sciacquare l’occhio tenendolo sotto un getto d'acqua. 


Dopo aver rimosso il corpo estraneo, utilizzate un batuffolo di cotone morbido per asciugare la pelle intorno all'occhio.

Durante la rimozione, è importante non strofinare gli occhi. Togliere eventuali lenti a contatto prima di rimuovere il corpo estraneo. Se non riuscite a rimuovere il corpo estraneo con la procedura descritta, cercate l’aiuto di un medico con urgenza.