Nazaj

Intervento laser con tecnica Supracor per il trattamento della presbiopia: per chi è la soluzione migliore

mag. Kristina Mikek, dr. med.

mag. Kristina Mikek, dr. med.
specialista in oftalmologia

9893 min01. 12. 2020

presbiopiasupracor

La continua ricerca e cambio degli occhiali creano notevole disagio ad ogni presbite. Tuttavia l’intervento con lenti intraoculari non è l’unica soluzione a questo problema. Anche la tecnologia laser più avanzata può migliorare la vista da vicino. Nella scelta del metodo più idoneo di correzione della vista da lontano e da vicino valutiamo sempre i vantaggi e gli svantaggi dell’intervento con lenti intraoculari e dell’intervento laser Supracor.

Scoprite i 5 fattori più importanti che determinano se la presbiopia può essere eliminata con l’intervento laser Supracor.

1 Grado e forma della diottria da lontano

Con l’intervento laser di correzione della presbiopia modifichiamo la rifrazione della luce durante il passaggio nell’occhio in modo da migliorare l’acuità visiva sia da vicino che da lontano. La presbiopia è causata dall’irrigidimento del cristallino. Con l’intervento laser, a differenza di quello con lenti intraoculari, non correggiamo la rifrazione della luce nel cristallino ma già sulla cornea. Ciò influisce in qualche modo sulla capacità di correggere l'acuità visiva a distanza. I migliori risultati della chirurgia laser per la presbiopia con visione a distanza si ottengono nei pazienti con diottrie negative.

2 Differenza nella diottria fra gli occhi

Nell’operazione laser di correzione della presbiopia una parte dell’intervento che migliora la vista da vicino viene effettuata sempre su occhio solo. La ragione di ciò è che nell'occhio in cui miglioriamo la vista da vicino, non possiamo eliminare la diottria da lontano fino alla piena acuità visiva. Il risultato dell’intervento laser per la presbiopia è che otteniamo un'acuità visiva molto buona per distanze ravvicinate e medie in un occhio e una migliore acuità visiva per quelle medie e lunghe nell'altro occhio. Una così piccola differenza nell'acuità visiva da vicino e da lontano tra i due occhi è anche altrimenti molto comune e di solito ci abituiamo rapidamente. Tuttavia, coloro che avevano già una differenza diottrica tra gli occhi prima dell’intervento non notano affatto questa differenza.

3 Fattore età

Con l’avanzare dell’età il grado delle diottrie da vicino aumenta e in questo caso con l’intervento laser l’acuità visiva completa è più difficile da raggiungere. I migliori risultati si ottengono fra i 40 e 60 anni di età e l’intervento viene raramente consigliato dopo i 70 anni di età.

4 Rischio di cataratta

È la malattia più comune che peggiora la vista in età avanzata. La cataratta è causata dall'annebbiamento senile del cristallino. Quando progredisce abbastanza, l'unica soluzione che ripristina la vista è un intervento chirurgico con sostituzione del cristallino. La malattia è abbastanza ereditaria. I primi segni di cambiamento nel cristallino si notano presto, di solito diversi anni prima che la vista inizi a peggiorare. Per chiunque noti i segni di sviluppo della cataratta e anche per quelli in cui entrambi i genitori soffrivano di questa malattia, l’intervento con lente è solitamente la soluzione più appropriata per correggere la presbiopia. Con questo intervento, rimuoviamo il cristallino naturale e contemporaneamente alla correzione della diottria preveniamo anche lo sviluppo della cataratta.

5 Spessore e curvatura corneale

Come per tutti gli interventi laser LASIK anche quello Supracor per la presbopia richiede uno spessore sufficiente e un’adeguata curvatura corneale. Per tutti i casi in cui si rilevano delle irregolarità nella forma corneale o uno spessore insufficiente è più adeguata la soluzione dell’intervento con le lenti intraoculari.