Nazaj

5 cambiamenti oculari associati all’eposizione al sole

Urša Pečjak, dr. med.

Urša Pečjak, dr. med.
specialista in oftalmologia

15842-3 min19. 07. 2022

occhi sanistile di vita

I raggi solari UV hanno un effetto dannoso non solo sulla pelle, ma anche sugli occhi. Con un'esposizione eccessiva al sole, gli effetti dei raggi UV sull'occhio dovuti a danni alla cornea e alla retina possono manifestarsi molto rapidamente. Dannosa è anche l'esposizione cronica ai raggi UV a bassa intensità, in quanto i difetti a livello cellulare si accumulano nei tessuti e nel tempo possono causare malattie agli occhi e disturbi della vista. 

È particolarmente importante proteggere gli occhi dal sole ad alta quota, dove l'intensità dei raggi UV è maggiore a causa dello strato più sottile dell'atmosfera, e ovunque sulla superficie dell’acqua, dove l'intensità dei raggi UV è maggiore a causa del riflesso dalla superficie dell’acqua. 

Questi sono i 5 cambiamenti oculari più comuni associati all'esposizione al sole:

  1. Invecchiamento dell’occhio - secondo alcuni dati, i raggi UV sono responsabili all'80% dei cambiamenti visibili dell'invecchiamento nella zona degli occhi. Sulla pelle del viso e del contorno occhi, i cambiamenti dell'invecchiamento associati all'esposizione ai raggi UV sono visibili come rughe, assottigliamento della pelle e varie pigmentazioni. L'affaticamento degli occhi dovuto alla luce intensa e il bagliore non fanno che intensificare la comparsa delle pieghe della pelle intorno agli occhi. Indossando costantemente gli occhiali da sole, possiamo ridurre questi effetti. Ancora meglio se abbiniamo gli occhiali da sole all'uso costante di creme solari ad alta protezione per il contorno occhi.

  2. Ustione corneale: trattasi di un danno diretto alla cornea dovuto all'eccessiva esposizione ai raggi UV. Questa condizione viene chiamata in gergo tecnico fotocheratite o anche cecità da neve, poiché si verifica più spesso in alta montagna, quando i raggi già forti vengono intensificati a causa del riflesso dalla superficie nevosa. È un'infiammazione molto dolorosa della cornea con marcato deterioramento della vista o addirittura cecità temporanea. In estate al mare e in alta montagna, possiamo evitare questo rischio semplicemente utilizzando un paio di occhiali sportivi da sole protettivi.

  3. Cataratta - L'esposizione ai raggi UV è uno dei fattori importanti che contribuiscono allo sviluppo della cataratta. Questo è un difetto del cristallino, che diventa sempre più torbido e meno permeabile alla luce. La visione è offuscata e la percezione dei colori meno vivida. È una conseguenza tardiva dell'esposizione cronica al sole. Il rischio di sviluppare la cataratta in età avanzata può essere ridotto anche utilizzando costantemente occhiali da sole e proteggendo gli occhi dal sole. L’unico trattamento efficace della cataratta in fase avanzata è l’intervento con la sostituzione del cristallino.

  4. Pinguecula e Pterigio sono neoformazioni carnose sulla sclera - la superficie bianca del bulbo oculare – e vengono associate all'esposizione cronica al sole. Il pterigio può estendersi oltre la cornea e colpire la vista man mano che cresce e si allarga. L’unica cura valida di entrambe le malattie è la rimozione chirurgica.

  5. Degenerazione maculare – Questa è una malattia del fondo oculare o della retina. La macula è l'area retinica con la più alta densità di fotorecettori con i quali percepiamo la luce. Quest'area retinica è responsabile della visione centrale, cioè la parte del campo visivo con cui vediamo più nitido. La malattia della retina nell'area della macula con degenerazione cellulare può quindi compromettere gravemente la vista. L'esposizione ai raggi UV è un fattore che aumenta il rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile.